Concetta Cimino...una storia al femminile.

Cerca nel sito

Vai ai contenuti

p7

Alcune delle poesie pi¨ belle, lette dall'autrice...

(Per ascoltare le poesie attivare il relativo player)


GARIBALDI, ADDIO
Che pena guardar Giuseppe Garibaldi
immobile sul cavallo
condannato nell'immortalitÓ statica di un monumento.
Si concede serenamente come trespolo
ai colombi mentre gli fanno corona
cime ombrose di alberi larghi e vetusti,
mentre ripensa ai popoli oppressi
da tanta libertÓ negata.
Donne che mostrano nudi seni
e lunghe gambe alla calura estiva
o corpi infagottati nel rigido inverno
non gli rivolgono neanche uno sguardo fugace.
L'aria ammorbata, il rumoroso traffico
non lascia per nulla pensare
alle carezze delle sue donne adulanti
il coraggioso rosso generale.
Addio Garibaldi,
con un sorriso ironico ti dico:
OBBEDISCI senza rimpianti.


Ascolta


Racconto da "Le Favole del mare"

Ucchiuzzi niuri ca liggiti, aviti a sapiri ca sugnu un pisci nasciutu e
crisciuti ni lu vostru beddu mari profumato ed ora pi magia vogghiu
stari a ripusari in un acquario di la vostra casa.
Vogghiu stari in cumpagnia di la genti e di picciriddi nicuzzi cumu siti vuatri.
Sugnu stancu di lu silenziu di tanti pisci rinchipiti e scuntrusi ca
si fannu sulu i fatti so. Ora ni la saggizza di la me vicchiaia vogghiu

jucari, vogghiu ridiri comu un nutricu di piscitedda e viviri ogni
jornu cu la spinsiratizza di lu sonnu.
Purtatimi ni vuatri ca vi cuntu e ricuntu di li segreti di l'abissi,
di lu cantu d'amuri di lu mari, di li carizzi dilicati di la luna
quannu lu scuru Ŕ in funnu o cori, di li lacrimi ammucciati di chiddu
ca si va pirdennu u ciatu duci di li vasati... ma chiddu ca Ŕ chiu
importanti, ascutatimi, vi insignu comu njucari chianu, chianu cu la
vita a la festa du pocu e di giustu ca basta una vasata duci...duci da
chiddu pisci.
Per cui chiddu fu chiamato dai bimbi Tillo

Ascolta

Home Page | Mi presento | Pubblicazioni | Presentazioni | Poesie | Foto | Contatti | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu